[MT]Raymond Chandler - Il lungo addio[Ebook-Pdf-Ita-Giallo]

  • Category Other
  • Type E-Books
  • Language Italian
  • Total size 1.7 MB
  • Uploaded By Survival
  • Downloads 18
  • Last checked 1 day ago
  • Date uploaded 6 days ago
  • Seeders 2
  • Leechers 0

Infohash : DFDD4FF975FBA24019EAAB1B5744EE68176620F0











Titolo originale: The long goodbye
Titolo italiano: Il lungo addio
Autore: Raymond Chandler
1ª ed. originale: 1957
Data di pubblicazione: maggio 2017
Genere: Romanzo
Sottogenere: Poliziesco (Hard Boiled)
Editore: Edizione speciale Corriere della sera
Collana: I Classici del giallo americano
Traduzione: Bruno Oddera
Pagine: 364






Scrittore statunitense di romanzi gialli e polizieschi, Raymond Thornton Chandler nasce a Chicago (Illinois) il giorno 23 luglio 1888. Si trasferisce in Gran Bretagna nel 1895, quando i genitori divorziano. Torna negli USA nel 1912. Non ancora ventenne, nel 1917 si arruola prima nell'esercito canadese, poi nella R.A.F. (Royal Air Force), combattendo la Prima guerra mondiale in Francia.
Lavora saltuariamente come giornalista e corrispondente. Inizia a scrivere per guadagnarsi da vivere e, dopo una breve parentesi in cui lavora come operaio in campo petrolifero, pubblica il suo primo racconto all'età di quarantacinque anni, nel 1933, su "Black Mask Magazine", rivista che pubblica storie di detective. Il suo primo romanzo si intitola "Il grande sonno", e viene dato alle stampe nel 1939. Il suo talento viene a galla e la casa di produzione cinematografica Paramount, nel 1943 gli propone un contratto come sceneggiatore.
Nel 1924 aveva sposato Cissy Pascal, di 18 anni più anziana, già divorziata due volte.
La sua produzione letteraria conterà nove romanzi, di cui uno incompiuto, e varie sceneggiature per Hollywood: le più importanti sono "La fiamma del peccato" (1944, di Billy Wilder), "The Unseen" (1945, di Lewis Allen) e "L'altro uomo" (1951, di Alfred Hitchcock).
Nel 1955 con il libro "Il lungo addio" (The Long Goodbye) vince il premio statunitense "Edgar Award", dedicato annualmente alle migliori opere gialle.
Raymond Chandler è molto critico verso il romanzo giallo tradizionale per la sua mancanza di realismo; segue così la strada della narrativa "hard boiled", iniziata da Dashiell Hammett. Il suo personaggio di gran lunga più famoso è l'investigatore duro ma onesto Philip Marlowe - cavaliere dei tempi moderni, cinico tuttavia profondamente onesto - portato sullo schermo con interpretazioni indimenticabili da attori come Dick Powell, Robert Mitchum, James Garner, Elliott Gould ma soprattutto Humphrey Bogart. Ma i produttori hanno un rapporto difficile con i suoi testi, spesso ricchi di sesso, corruzione, pornografia e omosessualità.
Nel 1954 la moglie muore e Chandler si trasferisce in Europa, ma non riuscirà più a riprendersi dal dolore. Da tempo vittima dell'alcolismo, un anno dopo la morte della moglie, nel 1955, tenta il suicidio.
Muore a La Jolla il 26 marzo 1959 a causa di una polmonite, lasciando incompiuto l'ottavo romanzo della saga di Marlowe.
Considerato a lungo solo come un discreto autore, Chandler viene rivalutato oggi come scrittore capace e completo.




1939 - Il grande sonno (The Big Sleep)
1940 - Addio, mia amata (Farewell, My Lovely)
1942 - Finestra sul vuoto (The High Window)
1943 - La signora nel lago (The Lady in the Lake)
1949 - La sorellina (The Little Sister)
1953 - Il lungo addio (The Long Good-Bye)
1958 - Ancora una notte (Playback)
1959 - Poodle Springs Story (Poodle Springs Story - completato nel 1989 da Robert B. Parker)




Una sera, per caso, Philip Marlowe si imbatte in Terry Lennox, completamente ubriaco fuori da un locale. Terry è sposato con Sylvia Potter, figlia del ricchissimo Harlan. Quello tra i due non è un matrimonio d’amore. Lui è soprattutto una facciata per nascondere i numerosi amanti della moglie. Fino a quando Sylvia viene uccisa e Terry fugge in Messico, grazie anche all’aiuto di Marlowe. Ma quella oltre confine non è certo una vacanza per Terry che infatti viene trovato morto con accanto una lettera in cui confessa l’omicidio della moglie. Passano pochi giorni e Philip Marlowe viene ingaggiato per risolvere un caso di sparizione: un famoso scrittore, Roger Wade, con il vizio del bere che gli provoca scatti di violenza, sono diversi giorni che non torna a casa dalla bellissima moglie Eileen. Si scoprirà che i due casi non sono altro che la doppia faccia di una stessa luna. /b]

[b]Incipit:
CAPITOLO I

Quando lo vidi per la prima volta, Terry Lennox era ubriaco in una Rolls Royce fuori serie, di fronte alla terrazza del Dancers. Il custode del parcheggio aveva portato fuori la macchina e con¬tinuava a tenere lo sportello aperto perché Terry Lennox lasciava penzolare il piede sinistro come se avesse dimenticato di posse¬derlo. Aveva un volto giovanile, ma i capelli di un bianco cal¬cinato. Bastava guardarlo negli occhi per capire ch'era saturo d'alcool fino alla radice dei capelli, ma per il resto aveva l'aria di un qualsiasi simpatico giovanotto in abito da sera che si fosse lasciato vuotare il portafogli in un locale esistente solo a tale scopo.
Gli sedeva accanto una giovane donna. Una donna dalla chioma d'una bella sfumatura tizianesca, dal sorriso remoto sulle labbra; le fasciava le spalle un mantello di visone azzurro che quasi faceva sembrare la Rolls Royce un'automobile come tutte le altre. Quasi, ma non del tutto. Nulla può riuscirvi.
Il custode del parcheggio era il solito tipo piuttosto volgare, con la giacchetta bianca e il nome del ristorante ricamato in rosso sul davanti. Cominciava ad averne abbastanza.




Che differenza c’è tra un libro, o un film, noir e uno poliziesco? Per rispondere a questa domanda può essere utile leggere Il lungo addio, romanzo dello scrittore americano Raymond Chandler pubblicato nel 1953. Il protagonista è l’ispettore privato Philip Marlowe, presente anche in altri sette romanzi dello scrittore nato a Chicago, più un racconto e un romanzo incompleto.
Per introdurre il personaggio di Marlowe, e rispondere in parte alla domanda iniziale, bastano poche parole pronunciate dallo stesse detective: «Sono un lupo solitario, non ho moglie, sto arrivando alla quarantina e non sono ricco. Mi hanno messo dentro più di una volta. Mi piacciono i liquori, le donne e il gioco degli schacchi e alcune altre cose. I poliziotti non mi hanno eccessivamente in simpatia […]. Una volta o l’altra mi faranno la pele in qualche vicolo scuro […]. Nessun uomo o nessuna donna se ne dispereranno».
Il genere poliziesco è nella maggior parte dei casi una detective-story dove un investigatore privato o un federale cerca di risolvere un caso. La ricerca del colpevole è parallela a una ricerca dentro se stesso. Si tratta di libri, o film, dove la soluzione del caso ha comunque un’importanza tale da far passare in secondo piano tutti gli altri sviluppi della storia, a partire da quelli emotivi e psicologici.
Dopo la seconda guerra mondiale si diffonde il genere noir che approfondisce la ricerca esistenziale del protagonista. E le risposte che i personaggi trovano alle loro domande sono cupe, negative. Il detective è solo. Si sente solo. Frequenta un brutto giro di amicizie e i bassifondi cittadini. Le ambientazioni sono notturne, la donna diventa una dark-lady. Il mondo è tutto sbagliato. Poliziotti maneschi. Il matrimonio che è solo una facciata per coprire violenze e ninfomanie. I soldi sono unti come il potere e la grande industria. L’uomo si sente come gettato nel mondo, ha perso l’essere e quel che gli rimane è l’esistenza. Nel noir la risoluzione del caso perde di importanza rispetto al giallo, in favore dello sviluppo esistenziale del racconto.
Il poliziesco classico con la risoluzione del crimine è consolatore, riporta le cose a un perfetto stato iniziale. I buoni hanno vinto. I cattivi sono in prigione. Nel noir anche quando il colpevole muore o è assicurato alla giustizia, il lettore è portato a riflettere su quanto la società sia inquinata. E su quanto sia labile la differenza tra buoni e cattivi.
Come spiega Philip Marlowe «Gli uomini politici sono disonesti […]. Il delitto non è una malattia, è un sintomo. I poliziotti sono come il medico che ti prescrive un’aspirina quando sei affetto da un tumore al cervello, a parte il fatto che i poliziotti te lo curerebbero col mangaello […]. La malavita organizzata non è altro che l’aspetto più sudicio del potere d’acquisto del dollaro». E quando un poliziotto gli domanda qual è l’aspetto più pulito, Marlowe risponde: «Non l’ho mai visto».




Files:

  • Raymond Chandler - Il Lungo Addio.pdf (1.7 MB)

There are currently no comments. Feel free to leave one :)

Code:

  • udp://tracker.openbittorrent.com:80/announce
  • udp://tracker.publicbt.com:80/announce